Come creare il catalogo prodotti per vendere su Amazon

 In Blog

Amazon è il primo sito di e-commerce nei paesi occidentali, dove il 55% degli utenti inizia la ricerca di un prodotto (dato relativo agli USA) e dove il maggior numero di consumatori prende la propria decisione durante la fase finale del ciclo di acquisto. Amazon è quindi importante sia all’inizio che alla fine del processo d’acquisto dei clienti, che lo consultano per raccogliere informazioni sui prodotti, confrontare prezzi e tipologie di offerta e acquistare la migliore offerta.

Per migliorare le performance di vendita ancor prima di attivare campagne di marketing o advertising (Amazon Marketing Services) è importante capire il modo migliore con cui posizionare i propri prodotti (ASIN) su Amazon per massimizzare visualizzazioni e vendite organiche.

Quando un brand si trova a vendere su Amazon lo scenario competitivo è più complesso che nei normali store. Infatti, esso compete sia con prodotti e player diversi rispetto al mercato offline, sia con altri venditori che possono offrire lo stesso prodotto con prezzi e condizioni diverse dalla propria offerta.

Pertanto, l’obiettivo di ogni seller e vendor Amazon è quello di massimizzare la propria visibilità, ovvero far sì che Amazon mostri la propria offerta ai potenziali clienti nelle prime posizioni nelle due tipologie di SERP (Search Engine Research Page) presenti su questa piattaforma e-commerce:

  1. Ricerca generale: la ricerca si svolge tra tutte le categorie di prodotto presenti su Amazon
  2. Categoria: la ricerca è fatta all’interno di una categoria di prodotto selezionata (es. Abbigliamento)

Questo articolo spiega come ottimizzare i contenuti dei prodotti offerti dal venditore in modo che questi siano indicizzati al meglio dall’algoritmo di A9 (il motore di ricerca di Amazon), che cerca di mostrare all’utente la migliore offerta disponibile relativa alla sua ricerca.

L’algoritmo A9 di Amazon tiene conto di diversi fattori per determinare il ranking dei prodotti.

I fattori che permettono l’indicizzazione delle offerte sono: la compilazione di tutti i campi obbligatori della scheda prodotto, la presenza di immagini, la giusta categorizzazione e la disponibilità del prodotto. Bisogna quindi lavorare sul SEO di Amazon.

I fattori che migliorano il ranking nella SERP – ovvero che fanno comparire un prodotto più in alto nella pagina dei risultati di ricerca – sono: lo storico delle performance di vendita, la rilevanza dei contenuti testuali della pagina in relazione alla ricerca dell’utente e le keyword di back-end.

È importante che tutti gli elementi della pagina prodotto siano ottimizzati, in modo da farli indicizzare nel miglior modo possibile da Amazon.

Un ruolo importante lo giocano le “Keywords”, o parole chiave. Le parole chiave devono essere presenti nella pagina prodotto affinché un utente che le digita nella barra di ricerca possa trovare il vostro prodotto immediatamente. Questo è il punto di partenza per qualunque ottimizzazione. Occorre scegliere 20-50 tra le keywords più importanti relative al prodotto e inserirle nelle parti più rilevanti del catalogo (es. Titolo, Elenco Puntato e Back-End Keywords).

Queste ultime non vengono visualizzate sulla pagina prodotto, ma fanno sì che gli utenti che le cercano trovino lo stesso la propria pagina prodotto. È importante includere anche sinonimi e parole scritte in maniera errata.

Capiamo ora com’è fatta una pagina prodotto, da quali elementi è composta e le best practices sui campi dove è possibile intervenire. Da premettere, tuttavia, che queste sono linee guida generali perché ogni categoria di prodotto ha delle specifiche da seguire.

  1. TITOLO: il principale titolo del prodotto presente anche nella pagina di ricerca;
    Siccome Amazon indicizza ogni singola parola nel titolo, è importante scegliere le keyword più rilevanti relative alla tipologia di prodotto. La lunghezza ideale del titolo è compresa tra gli 80 e 200 caratteri. Bisogna però assicurarsi di inserire il brand, il materiale, il colore e il tipo di prodotto. Infatti, i titoli con informazioni più dettagliate hanno generalmente un Click-Through-Rate (CTR) più alto e un tasso di conversione maggiore.
  2. BRAND: il nome del Brand, sembra scontato ma spesso è scritto non correttamente se la pagina prodotto è stata costruita da seller diversi
  3. IMMAGINE PRIMARIA e SELEZIONE DI IMMAGINI: indicano l’immagine primaria per la pagina di ricerca e al massimo altre 9 immagini che realisticamente mostrano il prodotto;
  • I formati accettati sono: JPEG (consigliato), TIFF, PNG o GIF (non è permesso l’uso di GIF animate). La risoluzione minima è di 72 dpi e le dimensioni minime accettate sono 500 pixel in larghezza o altezza. Le dimensioni ideali sono di almeno 1.000 pixel sul lato più lungo, in modo che il cliente possa ingrandire l’immagine sulla pagina.
  1. RECENSIONI DEL PRODOTTO: media delle valutazioni degli utenti che hanno acquistato il prodotto;
  2. BADGE “Amazon’s Choice”: viene assegnato ai prodotti che Amazon ritiene possano garantire la miglior esperienza di acquisto possibile ai suoi clienti; lo ricevono quei prodotti che hanno un buon numero di review, sono stati valutati positivamente, hanno un prezzo che Amazon ritiene vantaggioso e possono essere immediatamente spediti.
  3. BADGE “Più venduto”: è presente se il prodotto è il best seller legato alla parola chiave ricercata.
  4. INFORMAZIONI DI SPEDIZIONE E PREZZO;
  5. DISPONIBILITÀ;
  6. VENDITA E SPEDIZIONE DEI PRODOTTI: la spedizione può essere Merchant-fulfilled (se ne occupa il venditore) o Fulfilled by Amazon, noto anche come FBA (Amazon si occupa della logistica legata alla spedizione, ma è sempre il venditore che vende il prodotto). Se amazon opera come retailer, il prodotto è venduto e spedito da Amazon;
  7. VARIANTI DEL PRODOTTO SELEZIONABILI: scelta del colore, quantità, taglia, ecc.;
  8. SPECIFICHE DEL PRODOTTO (BULLET POINTS): elenco puntato con massimo 5 punti dove si spiegano le caratteristiche più salienti del prodotto;
    Sono il secondo fattore più importante dopo il titolo. Essi devono descrivere i benefici e le caratteristiche più salienti del prodotto ed è importante che inserirvi il maggior numero di keywords possibile. Ogni bullet point può avere massimo 500 caratteri (ci sono alcune eccezioni per categoria)
  9. ALTRI VENDITORI: venditori che non sono presenti nella Buy Box.

Inoltre, la pagina prodotto mostra: i prodotti suggeriti che altri utenti hanno comprato dopo aver visualizzato quella pagina prodotto, i prodotti che vengono visti insieme a questo prodotto e la descrizione del prodotto. Quest’ultima è una descrizione più estesa indicizzata da Amazon (inserire altre keywords è fondamentale) e può contenere alcuni semplici tag HTML.
Ci sono poi i dettagli del prodotto, video correlati che possono essere inseriti, delle ulteriori informazioni, i prodotti correlati sponsorizzati, le domande e risposte dei consumatori, speciali offerte e promozioni, altri prodotti che i consumatori hanno visualizzato, le recenti visualizzazioni dell’utente che sta visualizzando la pagina.

Importanti sono poi le reviews, ossia le recensioni. Un buon rapporto numero/qualità delle recensioni ha un effetto positivo sul CTR di Amazon.
Un importante tema che sarà trattato in un altro articolo è quello delle pagine A+ (per i Vendors) o EBC (Enhanced Brand Content) per i Seller. Queste infatti possono essere considerate come un’estensione della descrizione più arricchita di contenuti.

In conclusione, la qualità del catalogo, spesso sottovalutata, è cruciale nelle performance dei venditori ed è importante ottimizzare le proprie pagine prodotto in modo da risultare competitivi e da essere indicizzati da Amazon per potersi posizionare all’inizio dei risultati di ricerca.